Glossario dei termini

Banca depositaria: soggetto preposto alla custodia del patrimonio di un fondo/comparto e al controllo della gestione al fine di garantire il criterio di separatezza contabile e i principi di correttezza e di trasparenza amministrativa.

Benchmark: portafoglio di strumenti finanziari tipicamente determinato da soggetti terzi e valorizzato a valore di mercato, adottato come parametro di riferimento oggettivo per la definizione delle linee guida della politica di investimento di alcune tipologie di fondi/comparti.


Capitale investito: parte dell’importo versato che viene effettivamente investita dalla SGR/Sicav in quote/azioni di fondi/comparti. Esso è determinato come differenza tra il Capitale Nominale e le commissioni di sottoscrizione, nonché, ove presenti, gli altri costi applicati al momento del versamento. 

Capitale nominale: importo versato per la sottoscrizione di quote/azioni di fondi/comparti al netto dei diritti fissi d’ingresso.

Capitalizzazione: prodotto tra il valore di mercato degli strumenti finanziari e il numero degli stessi in circolazione.

Categoria: la categoria del fondo/comparto è un attributo dello stesso volto a fornire un’indicazione sintetica della sua politica di investimento.

Classe: articolazione di un fondo/comparto in relazione alla politica commissionale adottata e ad ulteriori caratteristiche distintive.

Commissioni di gestione: compensi pagati alla SGR/Sicav mediante addebito diretto sul patrimonio del fondo/comparto per remunerare l’attività di gestione in senso stretto. Sono calcolati quotidianamente sul patrimonio netto del fondo/comparto e prelevati ad intervalli più ampi (mensili, trimestrali, ecc.). In genere, sono espressi su base annua.

Commissioni di incentivo (o di performance): commissioni riconosciute al gestore del fondo/comparto per aver raggiunto determinati obiettivi di rendimento in un certo periodo di tempo. In alternativa possono essere calcolate sull’incremento di valore della quota/azione del fondo/comparto in un determinato intervallo temporale. Nei fondi/comparti con gestione “a benchmark” sono tipicamente calcolate in termini percentuali sulla differenza tra il rendimento del fondo/comparto e quello del benchmark.

Commissioni di sottoscrizione: commissioni pagate dall’investitore a fronte dell’acquisto di quote/azioni di un fondo/comparto.

Comparto: strutturazione di un fondo ovvero di una Sicav in una pluralità di patrimoni autonomi caratterizzati da una diversa politica di investimento e da un differente profilo di rischio.

Conversione (c.d. Switch): operazione con cui il sottoscrittore effettua il disinvestimento di quote/azioni dei fondi/comparti sottoscritti e il contestuale reinvestimento del controvalore ricevuto in quote/azioni di altri fondi/comparti.

Destinazione dei proventi: politica di destinazione dei proventi in relazione alla loro redistribuzione agli investitori ovvero alla loro accumulazione mediante reinvestimento nella gestione medesima.

Delega genetica: una delega di gestione viene definita genetica se funzionale all’individuazione stessa degli offerenti e alla loro responsabilità solidale nei confronti degli investitori. 

Duration: scadenza media dei pagamenti di un titolo obbligazionario. Essa è generalmente espressa in anni e corrisponde alla media ponderata delle date di corresponsione dei flussi di cassa (c.d. cash flows) da parte del titolo, ove i pesi assegnati a ciascuna data sono pari al valore attuale dei flussi di cassa ad essa corrispondenti (le varie cedole e, per la data di scadenza, anche il capitale). È una misura approssimativa della sensibilità del prezzo di un titolo obbligazionario a variazioni nei tassi di interesse.

Exchange Traded Funds (ETF): un OICR di cui almeno una categoria di quote o di azioni viene negoziata per tutto il giorno su almeno un mercato regolamentato oppure un sistema multilaterale di negoziazione con almeno un market maker che si adoperi per garantire che il valore di borsa delle sue quote o azioni non vari significativamente rispetto al suo valore complessivo netto (NAV) e, eventualmente, rispetto al suo NAV indicativo.


Exchange Traded Funds (ETF): un OICR di cui almeno una categoria di quote o di azioni viene negoziata per tutto il giorno su almeno un mercato regolamentato oppure un sistema multilaterale di negoziazione con almeno un market maker che si adoperi per garantire che il valore di borsa delle sue quote o azioni non vari significativamente rispetto al suo valore complessivo netto (NAV) e, eventualmente, rispetto al suo NAV indicativo.


Fondo comune di investimento: patrimonio autonomo suddiviso in quote di pertinenza di una pluralità di sottoscrittori e gestito in monte.

Fondo aperto: fondo comune di investimento caratterizzato dalla variabilità del patrimonio gestito connessa al flusso delle domande di nuove sottoscrizioni e di rimborsi rispetto al numero di quote in circolazione.

Fondo indicizzato: Fondo la cui strategia è replicare o riprodurre l’andamento di un indice o di indici, per esempio attraverso la replica fisica o sintetica.

Gestione a benchmark di tipo attivo: gestione legata alla presenza di un parametro di riferimento, rispetto a cui la politica di investimento del fondo/comparto è finalizzata a creare “valore aggiunto”. Tale gestione presenta tipicamente un certo grado di scostamento rispetto al benchmark che può variare, in termini descrittivi, tra: “contenuto”, “significativo”, e “rilevante”. 

Gestione a benchmark di tipo passivo: gestione legata alla presenza di un parametro di riferimento e finalizzata alla replica dello stesso.

Gestore delegato: intermediario abilitato a prestare servizi di gestione di patrimoni, il quale gestisce, anche parzialmente, il patrimonio di un OICR sulla base di una specifica delega ricevuta dalla Società di gestione del risparmio in ottemperanza ai criteri definiti nella delega stessa.

Grado di rischio: sintetizza in modo esplicito la rischiosità complessiva dell'investimento finanziario, che viene indicata attraverso sette classi qualitative ordinate basate sulla volatilità storica annua del fondo in un periodo di 5 anni secondo la normativa comunitaria vigente. La traduzione quantitativa delle classi qualitative è riportata qui di seguito:

Classi di rischio maggiore uguale minore
1 0% 0,50%
2 0,50% 2%
3 2% 5%
4 5% 10%
5 10% 15%
6 15% 25%
7 25% oltre

Grado di scostamento dal Benchmark: sintetizza in modo esplicito il contributo specifico dell’attività di gestione alla rischiosità complessiva dell’investimento rispetto alla componente di rischio derivante dal parametro di riferimento prescelto. Il grado di scostamento dal Benchmark varia in una scala qualitativa tra: “contenuto”, “significativo” e “rilevante” in funzione del delta volatilità, calcolata nel modo descritto per l’individuazione del Grado di rischio, riportata nella seguente tabella:

Classi  Contenuto Significativo Rilevante
d vol min d vol max d vol min d vol max d vol min d vol max
basso  -0,118% 0,118% -0,178% 0,178% -0,235% 0,235%
medio - basso -0,239% 0,239% -0,358% 0,358% -0,477% 0,477%
medio  -0,600% 0,600% -0,900% 0,900%  -1,200%  1,200%
medio - alto -1,250% 1,250%  -1,875%  1,875% -2,500% 2,500%
alto   -3,125%  3,125% -4,668% 4,668% -6,249% 6,249%
molto alto -6,250% 6,250% -9,375% 9,375% -12,500% 12,500%

 


Leva finanziaria: effetto in base al quale risulta amplificato l’impatto sul valore del portafoglio delle variazioni dei prezzi degli strumenti finanziari in cui il comparto è investito. La presenza di tale effetto è connessa all’utilizzo di strumenti derivati..

Mercati regolamentati: per mercati regolamentati si intendono quelli iscritti dalla Consob nell’elenco previsto dall’art. 63, comma 2, ovvero nell’apposita sezione prevista dall’art. 67, comma 1 del D. Lgsl. N. 58/98. Oltre a questi sono da considerarsi mercati regolamentati anche quelli indicati nella lista approvata dal Consiglio Direttivo della Assogestioni pubblicata sul sito Internet www.assogestioni.it.

Modulo di sottoscrizione: modulo sottoscritto dall’investitore con il quale egli aderisce al fondo/comparto – acquistando un certo numero delle sue quote/azioni – in base alle caratteristiche e alle condizioni indicate nel Modulo stesso.


NAV indicativo: una misura del valore infragiornaliero del NAV di un UCITS ETF in base alle informazioni più aggiornate. Il NAV indicativo non è il valore al quale gli investitori sul mercato secondario acquistano e vendono le loro quote o azioni.


Organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR): i fondi comuni di investimento e le Sicav.

OICR armonizzati: i fondi comuni di investimento e SICAV, italiani ed esteri, sono armonizzati se rientrano nel campo di applicazione delle direttive comunitarie in materia di organismi di investimento collettivo, definiti dalle direttive 85/611 CEE e 88/220 CEE e successive modifiche e integrazioni.

Orizzonte temporale d’investimento consigliato: orizzonte temporale consigliato espresso in termini di anni. Nelle strutture “a obiettivo di rischio” o “a benchmark” la determinazione dell'orizzonte d'investimento consigliato si attua secondo un criterio di recupero dei costi (c.d. break-even), dati il grado di rischio e, ove rilevante, il grado di scostamento dal benchmark. In altri termini, per queste tipologie di strutture l'orizzonte temporale d'investimento consigliato deve esprimere una raccomandazione sul periodo di tempo minimo entro cui i costi sostenuti potrebbero essere recuperati, tenuto conto del rischio associato alla loro ingegneria finanziaria. La formalizzazione metodologica del criterio di break-even richiede di identificare l’orizzonte temporale d’investimento consigliato come il primo anno (a decorrere dalla data di sottoscrizione) entro cui la probabilità di recuperare almeno una volta i costi dell’investimento finanziario – calcolata sotto la misura di probabilità neutrale al rischio – raggiunge una soglia prefissata.

Paesi emergenti: paesi caratterizzati da una situazione politica, sociale ed economica instabile e che presentano un debito pubblico con rating basso (inferiore all’investment grade) e sono quindi contraddistinti da un significativo rischio di insolvenza. Per un elenco completo si rimanda al sito www.worldbank.org.

Piano di accumulo di Capitale (PAC): modalità di sottoscrizione delle quote/azioni di un fondo/comparto mediante adesione ai piani di risparmio che consentono al sottoscrittore di ripartire nel tempo l’investimento nel fondo/comparto effettuando più versamenti successivi.

Piano di Investimento di Capitale (PIC): modalità di investimento in fondi/comparti realizzata mediante un unico versamento.

Proposta d’investimento finanziario: espressione riferita ad ogni possibile fondo/comparto sottoscrivibile dall’investitore-contraente con specifiche caratteristiche in termini di modalità di versamento e/o regime dei costi tali da qualificare univocamente il profilo di rischio-rendimento e l’orizzonte temporale consigliato dell’investimento finanziario. Laddove un fondo/comparto sia abbinato ad appositi servizi/prodotti che comportino una sostanziale modifica del profilo di rischio-rendimento dell’investimento, ciò qualifica una differente proposta d’investimento finanziario.


Qualifica: la qualifica del fondo/comparto rappresenta un attributo eventuale che integra l’informativa inerente alla politica gestionale adottata.

Quota: unità di misura di un fondo/comparto comune di investimento. Rappresenta la “quota parte” in cui è suddiviso il patrimonio del fondo. Quando si sottoscrive un fondo si acquista un certo numero di quote (tutte aventi uguale valore unitario) ad un determinato prezzo.


Rating o merito creditizio: è un indicatore sintetico del grado di solvibilità di un soggetto (Stato o impresa) che emette strumenti finanziari di natura obbligazionaria ed esprime una valutazione circa le prospettive di rimborso del capitale e del pagamento degli interessi dovuti secondo le modalità ed i tempi previsti. Le due principali agenzie internazionali indipendenti che assegnano il rating sono Moody’s e Standard & Poor’s. Entrambe prevedono diversi livelli di rischio a seconda dell’emittente considerato: il rating più elevato (Aaa, AAA rispettivamente per le due agenzie) viene assegnato agli emittenti che offrono altissime garanzie di solvibilità, mentre il rating più basso (C per entrambe le agenzie) è attribuito agli emittenti scarsamente affidabili. Il livello base di rating affinchè l’emittente sia caratterizzato da adeguate capacità di assolvere ai propri impegni finanziari è rappresentato dal cosiddetto investment grade [pari a Baa3 (Moody’s) o BBB- (Standard & Poor’s e Fitch)].

Regolamento di gestione del fondo (o Regolamento del fondo): documento che completa le informazioni contenute nel Prospetto d’offerta di un fondo/comparto. Il Regolamento di un fondo/comparto deve essere approvato dalla Banca d'Italia e contiene l’insieme di norme che definiscono le modalità di funzionamento di un fondo ed i compiti dei vari soggetti coinvolti, e regolano i rapporti con i sottoscrittori.

Rendimento: risultato finanziario ad una data di riferimento dell’investimento, espresso in termini percentuali, calcolato dividendo la differenza tra il valore del capitale investito alla data di riferimento e il valore del capitale nominale al momento dell’investimento per il valore del capitale nominale al momento dell’investimento. Quando detta differenza risulti positiva si realizza un rendimento positivo e viceversa.

Replica sintetica di un indice: la modalità di replica realizzata attraverso l’utilizzo di uno strumento derivato (tipicamente un total return swap).

Replica fisica di un indice: la modalità di replica realizzata attraverso l’acquisto di tutti i titoli inclusi nell’indice in proporzione pari ai pesi che essi hanno nell’indice o attraverso l’acquisto di un campione di titoli scelto in modo da creare un portafoglio sufficientemente simile a quello dell’indice ma con un numero di componenti inferiore che ottimizza perchio i costi di transazione.

Rilevanza degli Investimenti:

Definizione Controvalore dell’investimento rispetto al totale dell’attivo
Principale  > 70%
Prevalente  compreso tra il 50% ed il 70%
Significativo  compreso tra il 30% ed il 50%
Contenuto  compreso tra il 10% ed il 30%
Residuale  < 10%

I suddetti termini di rilevanza sono da intendersi come indicativi delle strategie gestionali dei comparti/fondo fermi i limiti Statutari/Regolamentari soggetti a controllo della Banca Depositaria. Qualora tali limiti, identificati sia in termini quantitativi che qualitativi, si sovrappongano a due o più delle fasce sopra identificate viene indicata quella rappresentativa della maggiore esposizione al rischio attuabile.

Società di gestione del risparmio (in breve SGR): società autorizzata alla gestione collettiva del risparmio nonché ad altre attività disciplinate dalla normativa vigente ed iscritta ad apposito albo tenuto dalla Banca d’Italia. 

Società di investimento a capitale variabile (in breve Sicav): società per azioni la cui costituzione è subordinata alla preventiva autorizzazione della Banca d’Italia e il cui statuto prevede quale oggetto sociale esclusivo l’investimento collettivo del patrimonio raccolto tramite offerta al pubblico delle proprie azioni. Può svolgere altre attività in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente. Le azioni rappresentano pertanto la quota-parte in cui è suddiviso il patrimonio.

Società di revisione: società, iscritta ad apposito albo tenuto dalla Consob, che svolge l'attività di controllo sulla regolarità nella tenuta della contabilità del fondo e sulla corretta rilevazione dei fatti di gestione nelle scritture contabili del medesimo. A seguito dell'analisi, la società rilascia un'apposita relazione di certificazione, tipicamente allegata al/la rendiconto annuale/relazione semestrale del fondo.

Statuto della Sicav: documento che completa le informazioni contenute nel Prospetto d’Offerta. Lo Statuto della Sicav deve essere approvato dalla Banca d'Italia e contiene tra l’altro l’insieme di norme che definiscono le modalità di funzionamento della Sicav ed i compiti dei vari soggetti coinvolti, e regolano i rapporti con i sottoscrittori.

Swap a rendimento totale (total return swap): il Total Return Swap è uno strumento finanziario derivato OTC in base al quale un soggetto cede ad un altro soggetto il rischio e rendimento di un sottostante (reference assets), a fronte di un flusso che viene pagato a determinate scadenze. Il flusso monetario periodico è in genere collegato ad un indicatore di mercato sommato ad uno spread.


Tipologia di gestione del fondo: ciascun fondo può appartenere ad una delle seguenti tipologie:

  • Market Fund: OICR gestiti secondo politiche di investimento o strategie aventi l'obiettivo coerente con il profilo di rischio/rendimento di alcuni determinati settori di mercato.
  • Absolute Return Fund: OICR gestiti in base ai criteri o strategie di investimento che prevedono una ripartizione variabile del portafoglio del fondo nelle diverse asset class con un vincolo di rischio predeterminato.
  • Total Return Fund: OICR che sono gestiti secondo politiche di investimento e/o strategie che perseguono obiettivi di rendimento attraverso l'investimento flessibile in differenti asset class finanziarie.
  • Life Cycle Fund: OICR che sono gestiti secondo politiche o strategie di investimento che comportano una variazione nel tempo della loro allocazione di portafoglio da titoli azionari a titoli obbligazionari a reddito fisso, secondo alcune regole predeterminate, all'avvicinarsi della scadenza del fondo stesso.
  • Structured Fund: OICR che forniscono agli investitori, a certe date prestabilite, profitti legati alle performance di una regola di investimento definita da un algoritmo, oppure al verificarsi di variazioni di prezzo o di altre condizioni, delle attività finanziarie, indici o portafogli di riferimento.

Total Expense Ratio (TER): rapporto percentuale, riferito a ciascun anno solare dell'ultimo triennio, fra il totale degli oneri posti a carico del fondo/comparto ed il patrimonio medio, su base giornaliera, dello stesso. In caso di esistenza di più classi di OICR, il TER dovrà essere calcolato per ciascuna di esse.

Tracking Error: la volatilità della differenza tra il rendimento del fondo indicizzato e il rendimento dell’indice o degli indici replicati.

UCITS ETF: un ETF armonizzato alla direttiva 29/65/CE.


Valore del patrimonio netto (c.d. NAV): il valore del patrimonio netto, anche definito NAV (Net Asset Value), rappresenta la valorizzazione di tutte le attività finanziarie oggetto di investimento da parte del fondo/comparto, al netto degli oneri fiscali gravanti sullo stesso, ad una certa data di riferimento.

Valore della quota (c.d. uNAV): il valore unitario della quota/azione di un fondo/comparto, anche definito unit Net Asset Value (uNAV), è determinato dividendo il valore del patrimonio netto del fondo/comparto (NAV) per il numero delle quote/azioni in circolazione alla data di riferimento della valorizzazione.

Value at risk (VAR): è una misura di rischio che quantifica la massima perdita potenziale su un determinato orizzonte temporale e all’interno di un dato livello di probabilità (c.d. intervallo di confidenza).

Volatilità: è l’indicatore della variabilità dei rendimenti di un dato investimento. Quanto più uno strumento finanziario è volatile, tanto maggiore è l’aspettativa di guadagni elevati ma anche il rischio di perdite. Tale indicatore per come è costruito non può assumere valori negativi.